Internet

Cina batte Usa per numero di utenti internet

La Cina è il più grande popolo di navigatori internet.
Un altro record la popolazione più numerosa della Terra.
Secondo un ricerca diffusa dalla società BDA di Pechino, basata sui dati forniti dal China Internet Network Information
Center, gli utenti internet nel paese di Mao avevano superato alla fine del 2007 i 210 milioni.
In base a questo dato e ipotizzando che il numero è continuato a crescere in questi primi mesi del 2008 con la stessa velocità del 2007, la società
di ricerca ha concluso che la Cina a questo momento ha sorpassato gli Stati Uniti e possiede la maggior utenza
internet del mondo.
Per avvalorare la tesi basta sapere che gli Usa alla fine del 2007 contavano un numero di utenti di circa 216 milioni
di persone secondo una ricerca condotta da Nielsen/Net Ratings. Comunque il sorpasso non è ufficiale,
ma si basa solo sulle congetture fatte dalla società di ricerche BDA di Pechino, quindi per festeggiare i cinesi dovranno
attendere.

Annunci

Internet

Cina batte Usa per numero di utenti internet

La Cina è il più grande popolo di navigatori internet.
Un altro record la popolazione più numerosa della Terra.
Secondo un ricerca diffusa dalla società BDA di Pechino, basata sui dati forniti dal China Internet Network Information
Center, gli utenti internet nel paese di Mao avevano superato alla fine del 2007 i 210 milioni.
In base a questo dato e ipotizzando che il numero è continuato a crescere in questi primi mesi del 2008 con la stessa velocità del 2007, la società
di ricerca ha concluso che la Cina a questo momento ha sorpassato gli Stati Uniti e possiede la maggior utenza
internet del mondo.
Per avvalorare la tesi basta sapere che gli Usa alla fine del 2007 contavano un numero di utenti di circa 216 milioni
di persone secondo una ricerca condotta da Nielsen/Net Ratings. Comunque il sorpasso non è ufficiale,
ma si basa solo sulle congetture fatte dalla società di ricerche BDA di Pechino, quindi per festeggiare i cinesi dovranno
attendere.

A te – Jovanotti

A te

A te che sei l’unica al mondo

L’unica ragione per arrivare fino in fondo

Ad ogni mio respiro

Quando ti guardo

Dopo un giorno pieno di parole

Senza che tu mi dica niente

Tutto si fa chiaro

A te che mi hai trovato

All’ angolo coi pugni chiusi

Con le mie spalle contro il muro

Pronto a difendermi

Con gli occhi bassi

Stavo in fila

Con i disillusi

Tu mi hai raccolto come un gatto

E mi hai portato con te

A te io canto una canzone

Perché non ho altro

Niente di meglio da offrirti

Di tutto quello che ho

Prendi il mio tempo

E la magia

Che con un solo salto

Ci fa volare dentro all’aria

Come bollicine

A te che sei

Semplicemente sei

Sostanza dei giorni miei

Sostanza dei giorni miei

A te che sei il mio grande amore

Ed il mio amore grande

A te che hai preso la mia vita

E ne hai fatto molto di più

A te che hai dato senso al tempo

Senza misurarlo

A te che sei il mio amore grande

Ed il mio grande amore

A te che io

Ti ho visto piangere nella mia mano

Fragile che potevo ucciderti

Stringendoti un po’

E poi ti ho visto

Con la forza di un aeroplano

Prendere in mano la tua vita

E trascinarla in salvo

A te che mi hai insegnato i sogni

E l’arte dell’avventura

A te che credi nel coraggio

E anche nella paura

A te che sei la miglior cosa

Che mi sia successa

A te che cambi tutti i giorni

E resti sempre la stessa

A te che sei

Semplicemente sei

Sostanza dei giorni miei

Sostanza dei sogni miei

A te che sei

Essenzialmente sei

Sostanza dei sogni miei

Sostanza dei giorni miei

A te che non ti piaci mai

E sei una meraviglia

Le forze della natura si concentrano in te

Che sei una roccia sei una pianta sei un uragano

Sei l’orizzonte che mi accoglie quando mi allontano

A te che sei l’unica amica

Che io posso avere

L’unico amore che vorrei

Se io non ti avessi con me

a te che hai reso la mia vita bella da morire, che riesci a render la fatica un’ immenso piacere,

a te che sei il mio grande amore ed il mio amore grande,

a te che hai preso la mia vita e ne hai fatto molto di più,

a te che hai dato senso al tempo senza misurarlo,

a te che sei il mio amore grande ed il mio grande amore,

a te che sei, semplicemente sei, sostanza dei giorni miei, sostanza dei sogni miei…

e a te che sei, semplicemente sei, compagna dei giorni miei…sostanza dei sogni…

A te – Jovanotti

A te

A te che sei l’unica al mondo

L’unica ragione per arrivare fino in fondo

Ad ogni mio respiro

Quando ti guardo

Dopo un giorno pieno di parole

Senza che tu mi dica niente

Tutto si fa chiaro

A te che mi hai trovato

All’ angolo coi pugni chiusi

Con le mie spalle contro il muro

Pronto a difendermi

Con gli occhi bassi

Stavo in fila

Con i disillusi

Tu mi hai raccolto come un gatto

E mi hai portato con te

A te io canto una canzone

Perché non ho altro

Niente di meglio da offrirti

Di tutto quello che ho

Prendi il mio tempo

E la magia

Che con un solo salto

Ci fa volare dentro all’aria

Come bollicine

A te che sei

Semplicemente sei

Sostanza dei giorni miei

Sostanza dei giorni miei

A te che sei il mio grande amore

Ed il mio amore grande

A te che hai preso la mia vita

E ne hai fatto molto di più

A te che hai dato senso al tempo

Senza misurarlo

A te che sei il mio amore grande

Ed il mio grande amore

A te che io

Ti ho visto piangere nella mia mano

Fragile che potevo ucciderti

Stringendoti un po’

E poi ti ho visto

Con la forza di un aeroplano

Prendere in mano la tua vita

E trascinarla in salvo

A te che mi hai insegnato i sogni

E l’arte dell’avventura

A te che credi nel coraggio

E anche nella paura

A te che sei la miglior cosa

Che mi sia successa

A te che cambi tutti i giorni

E resti sempre la stessa

A te che sei

Semplicemente sei

Sostanza dei giorni miei

Sostanza dei sogni miei

A te che sei

Essenzialmente sei

Sostanza dei sogni miei

Sostanza dei giorni miei

A te che non ti piaci mai

E sei una meraviglia

Le forze della natura si concentrano in te

Che sei una roccia sei una pianta sei un uragano

Sei l’orizzonte che mi accoglie quando mi allontano

A te che sei l’unica amica

Che io posso avere

L’unico amore che vorrei

Se io non ti avessi con me

a te che hai reso la mia vita bella da morire, che riesci a render la fatica un’ immenso piacere,

a te che sei il mio grande amore ed il mio amore grande,

a te che hai preso la mia vita e ne hai fatto molto di più,

a te che hai dato senso al tempo senza misurarlo,

a te che sei il mio amore grande ed il mio grande amore,

a te che sei, semplicemente sei, sostanza dei giorni miei, sostanza dei sogni miei…

e a te che sei, semplicemente sei, compagna dei giorni miei…sostanza dei sogni…

Oroscopo

devo confessare che pur non essendo uno scaramantico cronico o non affidando il mio destino agli astri o allo zodiaco, tuttavia quando capita non disdegno di leggere l’oroscopo soprattutto in avvio di giornata, per vedere un po’ quello che mi aspetta.
Alla vigilia di una giornata come tante ma di una serata che potrebbe cambiarmi la vita, la lettura di cosa prevede l’astrologia mi è sembrata indispensabile: ebbene gli astri dicono che l’ambito che mi interessa è molto favorevole e che tutto si risolverà per il meglio.

Spero vivamente che per una volta ci prendano davvero, solo oggi, solo stavolta

Oroscopo

devo confessare che pur non essendo uno scaramantico cronico o non affidando il mio destino agli astri o allo zodiaco, tuttavia quando capita non disdegno di leggere l’oroscopo soprattutto in avvio di giornata, per vedere un po’ quello che mi aspetta.
Alla vigilia di una giornata come tante ma di una serata che potrebbe cambiarmi la vita, la lettura di cosa prevede l’astrologia mi è sembrata indispensabile: ebbene gli astri dicono che l’ambito che mi interessa è molto favorevole e che tutto si risolverà per il meglio.

Spero vivamente che per una volta ci prendano davvero, solo oggi, solo stavolta

Partito Democratico

 da il quotidiano "Il Tempo" di  martedì 11 marzo 2008
 
 

Pd, seggi in vendita

Fino a 50mila euro per essere eletti

Chiamatelo obolo, chiamatelo contributo volontario, chiamatela un’assicurazione sul futuro, fatto sta che, ai giorni nostri, ottenere un seggio sicuro in Parlamento costa. E non poco.

I partiti hanno lanciato una nuova moda: i candidati in posizioni eleggibili, quando accettano, devono versare dei soldi.
Guai a parlare di compravendita di candidature. Il problema, spiegano, è che la nuova legge elettorale ha aumentato i costi a carico dei partiti centrali.
Così meglio correre ai ripari.
Il Partito Democratico lo ha addirittura messo nero su bianco, introducendo un articolo ad hoc nel regolamento per le candidature approvato lo scorso 20 febbraio.
Al punto 10, infatti, si legge: «I candidati alle elezioni politiche si impegnano a contribuire alle spese che il partito sostiene per la campagna elettorale attraverso un versamento da effettuarsi contestualmente alla firma dell’accettazione di candidatura. L’ammontare di tale versamento sarà definito d’intesa tra la Tesoreria nazionale e i regionali e dovrà tener conto della posizione del singolo candidato nella lista».
La domanda, a questo punto, nasce spontanea: quanto bisogna pagare?
Basta alzare il telefono e contattare le sedi regionali che, con molta trasparenza, forniscono il «menù».
Così, ad esempio, è possibile sapere che Antonio Boccuzzi, il sopravvissuto al rogo della Thyssen Krupp candidato alla Camera nel collegio Piemonte I (secondo in lista), dovrà pagare 30mila euro. Si tratta, infatti, di un vincente alla prima nomina. Diverso il trattamento per Piero Fassino (vincente ma anche deputato uscente). Per lui il conto è di 50mila euro. Cinquemila anche per coloro che si trovano in una posizione in bilico, 1000 per tutti gli altri.
Circa 50mila euro verranno chiesti anche ai candidati blindati della Lombardia.
Mentre i liguri potranno risparmiare qualcosina: 40mila per un posto sicuro, 10mila per quelli traballanti. Trattamento speciale, invece, per l’industriale Massimo Calearo. La segreteria regionale del Veneto ha infatti fissato una quota vicina ai 35mila euro.
Scendendo verso Sud la musica non cambia: 50mila in Lazio, 35mila in Umbria, 40mila nelle Marche, 50mila in Campania e in Calabria. Tutto, ovviamente, per posizioni eleggibili. Anche perché chi resterà sicuramente fuori non ha alcuna intenzione di aprire il portafoglio. In verità ci sono dubbi anche sugli altri.
Già nel 2006, infatti, ci fu qualche problema. In ogni caso, chi sfuggirà sappia che non è finita. L’articolo 10 continua ricordando che «in riferimento all’articolo 23 comma 2 dello Statuto i parlamentari eletti verseranno un contributo mensile nella misura che sarà determinana dalla Tesoreria nazionale d’intesa con i gruppi parlamentari».
Fin qui il Partito Democratico, ma il Pdl? Nel partito di Silvio Berlusconi non esistono regole ufficiali. Qualcuno parla di 70mila euro, altri di molto meno, altri ancora sottolineano che, normalmente, i soldi vengono raccolti attraverso cene elettorali. Poco importa. Dovesse andare male, ci sono sempre i contributi pubblici ai partiti.