Emozioni

Sinceramente non credevo che ritornare a Benevento sarebbe stato così emozionante: un po’ si ma non così tanto.
Eppure gli strascichi della scorsa stagione così bella, così intensa, così incredibilmente coinvolgente per tutti, anche per me che non sono un giocatore non si sono sopiti. Emozioni che solo lo sport può darti.
Già entrando in città in auto, sentivo una certa stretta al cuore…quanti ricordi…poi il pre-partita era micidiale..l’attesa non so perchè ma tremendamente difficile da sostenere. Eppure è evidente che non era l’aspetto sportivo che mi agitava perchè Milano meritatamente capolista contro Benevento purtroppo ultima, non lasciava far temere chissà quali scossoni.Eppure rivedere tanti amici, tutti felici di ri-incontrarci, quei luoghi dove abbiamo festeggiato, il ricordo del terreno di gioco pieno di spumante e di coriandoli della festa per la serie A conquistata.

Per una volta non avrei voluto essere davvero Simona, “costretta” a scendere in campo contro le sue ex compagne e so che in cuor suo ha provato certamente le stesse emozioni, anzi forse più forti.
E poi il mazzo di fiori consegnatole dal capitano avversario come segno di riconoscenza e di amicizia per quanto fatto in maglia giallorossa l’anno scorso.
Insomma tutto bello.

Io a bordo campo ho lottato per i 3 set dell’incontro contro me stesso.
Ho talmente tifato per l’Accademia l’anno scorso che avrei desiderato quello che nella pallavolo è indesirabile: cioè il pareggio con 3 punti ciascuno.

La vittoria di Milano mi fa felice perchè Simo resta in testa alla classifica ecc.
La sconfitta di Benevento mi addolora sinceramente e profondamente e mi auguro con tutto il cuore che la squadra si salvi.

E poi il dopo partita, le feste a Simo, i regali, baci, lacrime con le vecchie compagne ed amiche, alcune delle quali hanno fatto parecchia strada per rivederla, la riconoscenza nei confronti di quanto ha fatto l’anno scorso ed il rimpianto di non averla più in squadra anche da parte di personaggi importanti in seno alle istituzioni e alla società.
L’aver conosciuto quello che per me è stato un mito di giovane pallavolista anni ’90 come Joel Despaigne.

Insomma tutto meraviglioso, con un profondo grazie a tutti per quello che è stato l’anno scorso (stagione irripetibile) e per quello che è stato ieri, per me e per Simo.

Annunci

Una risposta a "Emozioni"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...